You are browsing the archive for Punti del programma.

RENDICONTO DI MANDATO

Marzo 4, 2019 in Punti del programma

Si avvicina la fine del mandato amministrativo e il prossimo 26 maggio si svolgeranno le elezioni del nuovo Sindaco. E’ tempo di rendicontare ai cittadini tutto il nostro impegno speso a lottare per le reali e concrete esigenze dei cittadini di Casalecchio, distanti dalle logiche dei partiti nazionali che agiscono per meri interessi politici e trascurando se non danneggiando gli interessi dei cittadini e del territorio.  

Nell’attività svolta in questi cinque anni vorremmo ricordare
1. Il nostro impegno ad ascoltare i cittadini singoli o riuniti in comitati che si sentono non sufficientemente considerati dall’amministrazione se non danneggiati dalla stessa, aiutandoli ad avere incontri con sindaco o assessori o assistendoli nei loro problemi;
2. Vinta la battaglia per l’installazione della croce all’entrata della parte nuova del cimitero dopo la bocciatura di un Consiglio Comunale non attento alla sensibilità dei cittadini per solo mere ideologie di partito.
3. Portato alla luce con esposti e segnalazioni lo scandalo della gestione del Parco Talon (per noi rimarrà sempre lo storico parco Talon) da cui è conseguito l’intervento dei NAS che riscontravano innumerevoli irregolarità igieniche sanitarie compiute dalla cooperativa che gestiva il parco e i relativi servizi di ristorazione;
4. Abbiamo fatto convegni per far capire la necessità e il beneficio di un Passante Passante Sud al posto di un Passante di Mezzo, inutile e soprattutto costoso, a cui ostinatamente il Sindaco Bosso vuole a tutti i costi aderire, non capendo i benefici per lo snellimento del traffico di cui beneficerebbe il nostro territorio attraverso il Passante Sud
5. La raccolta di 1500 firme certificate e depositate per cambiare il sistema di raccolta del rifiuti porta a porta arrivando a stabilire un accordo con il nuovo Assessore all’ambiente per l’installazione di varie isole ecologiche nei quartieri, progetto che è svanito all’ultimo momento per mera ideologia politica della Giunta, che ancora una volta non viene incontro alle reali esigenze dei cittadini;
6. Ci battiamo per lo smantellamento del campo Nomadi, ma pretendiamo che esso non gravi esclusivamente sulle tasche dei cittadini, pagando decine di migliaia di euro per le utenze non pagate dai fruitori del campo e anzi vedendoli premiati dal Sindaco con l’assegnazione di case popolari;
7. Ci siamo battuti raccogliendo tantissime firme e con varie manifestazioni perché non venisse abbandonato il progetto di interramento della ferrovia con eliminazione del passaggio a livello di via Marconi e la realizzazione completa della nuova Porrettana. Ribadiamo che vigileremo sui tempi della futura cantierizzazione dei lavori controllando che la politica non perda altro tempo a danno dei cittadini; 
8. Continuiamo a batterci perché  la malaugurata edificabilità dell’area ex SAPABA avvenga in rispetto del territorio e del fiume, e in conformità con gli studi formulati dalla Regione per conto dell’Unione Europea nel 2016 che hanno fatto risaltare la criticità della zona perché  potrebbe esser oggetto di esondazione del Reno;
9. Abbiamo segnalato con esposti anche alcune criticità fiscali dell’area Unipol Arena, che hanno portato ad ingenti mancati introiti per le casse comunali e che continueremo a sollecitare al fine che non avvenga questo danno per le casse del comune e quindi a scapito dei cittadini;
10. Abbiamo contestato il raddoppio del Centro Commerciale Shopville Gran Reno e  il cambio di destinazione del palazzo dello sport in palazzo degli spettacoli in quanto non ha previsto un adeguata tutela delle condizioni di vita dei cittadini residenti in zona, con un aumento dei gas inquinanti dovuti all’ incremento della congestione del traffico, con un aumento sia di disagi acustici sia di viabilità e parcheggi nella zona.

Questo e molto altro ha fatto la Lista Civica di Casalecchio di Reno, pensando fin dal 2004 alla tutela dei cittadini, alla riduzione dei costi della politica e degli sprechi della macchina pubblica, un attività che ci ha sempre visti presenti nel territorio, e che ci continua a spingere per una attività sempre solo ed esclusivamente a favore dei cittadini e del territorio contrari ai partiti e ai movimenti spinti solo da ideologie politiche nazionali, ma aperti a tutte quelle collaborazioni e quei progetti di buon senso atti a migliorare la vita dei cittadini casalecchiesi.
Lista Civica Casalecchio di Reno

IL BAVAGLIO DEGLI OPPOSIZIONI…

Settembre 11, 2018 in Punti del programma, Risorse e Programmazione, Sviluppo del Territorio, Talon, Tasse, Trasporti, Viabilità

La verità ti fa mal

Ottobre 19, 2016 in Ferrovia, Punti del programma, raccolta firme, Viabilità

La verità ti fa mal

…soprattutto quando la scopri

 1600Ritorniamo sul tema dell’interramento della ferrovia e la conseguente eliminazione del passaggio a livello per comunicarvi che continua con grande successo la raccolta di firme che proseguirà anche nei prossimi giorni. In nemmeno un mese abbiamo raccolto 1600 firme: invitiamo chi non avesse firmato a farlo.

Queste firme saranno consegnate al Sindaco, nella speranza di andare a Roma con lui per ottenere quello che ci spetta anche se l’attuale primo cittadino è stato in Giunta nei precedenti 10 anni e c’era quando il 29 luglio 2007 vi fu una grande manifestazione al Teatro Testoni con un Consiglio Comunale pubblico che approvò all’unanimità un Ordine del Giorno nel quale si elencavano le considerazioni sul traffico che i nostri concittadini conoscono benissimo.

Si considerava che il primo progetto risaliva al 1965, che il progetto preliminare è stato approvato dal CIPE nel marzo del 2006, che il Comune ha assolto le procedure pagando la progettazione dell’opera e testualmente “il progetto della Nuova Porrettana prevede anche contestualmente l’interramento e raddoppio dei binari della Ferrovia Bologna – Pistoia che costituirebbe un importante rafforzamento del sistema ferroviario a favore dei tanti pendolari che utilizzano quotidianamente questa tratta ribadisce che il nodo ferro-stradale di Casalecchio rappresenta un tassello strategico per la mobilità locale e nazionale”.

È c’era anche il 12 marzo 2009 quando il Consiglio Comunale, sempre all’unanimità, fece un appello al Governo insieme a tutti i concittadini che stavano sopportando l’aggravio dei lavori della 3^ corsia autostradale e decise di portare le rimostranze dei cittadini a Roma.

E c’era anche il 4 novembre 2009 quando il Sindaco Gamberini annunciava una cabina di regia con il presidente Errani e il Governo ed entro il mese il CIPE avrebbe finanziato con 48,8 milioni di euro la parte ferroviaria e con questo si sarebbe fatto tutto.

Non sappiamo se c’era il 17/02 2012 a Roma quando in un tavolo con tutti presenti Comune ANAS RFI, Ministro si decise di stralciare l’opera ferroviaria da quella stradale! Poi nel luglio 2012 ci fu l’approvazione da parte del CIPE del progetto definitivo dell’opera stradale e l’annuncio che con l’apertura del casello autostradale di Borgonuovo entro la fine 2013 si sarebbe avuto un calo del traffico del 30%. Poi si arriva ai giorni nostri e la verità viene a galla.

Per 50 anni i nostri cittadini sono stati traditi da amministratori che hanno scritto e detto delle cose e fatto

nulla di tutto ciò. Caro Sindaco non sappiamo se lei c’era, o non c’era ma noi della Lista Civica ci siamo e ci batteremo sempre per interrare e raddoppiare i binari della linea ferroviaria ed eliminare il passaggio a livello. NOI NON MOLLIAMO.

 

Lista Civica Casalecchio di Reno

Non ci vogliamo rassegnare

Aprile 12, 2016 in Punti del programma, Risorse e Programmazione, Salute e Sapere

NON CI VOGLIAMO RASSEGNARE…

Vedo-sento-parlo3

Viviamo in un epoca di grandi    cambiamenti e di altrettanti problemi, le crisi economico-finanziarie, culturali, morali,   religiose, l’aumento delle povertà, l’inadeguatezza della politica ormai incapace di dare delle risposte rapide a questi fenomeni, porta tanta gente a rassegnarsi agli eventi, cercando di barcamenarsi alla meglio per sopravvivere e spesso ad incolpare chiunque e di qualunque cosa. Questo accade a tutti, chi in privato o sui social network o in TV, chi grida accusando il prossimo di qualunque nefandezza, evitando accuratamente di cercare soluzioni al problema in discussione. Naturalmente i professionisti della politica o dell’informazione ne godono in modo estremo, massima audience, e tutto rimane come prima.        Accade anche nel nostro piccolo Comune, dove ad ogni rilievo fatto sull’ attività del Sindaco e della Giunta si levano gli scudi, con il medesimo polverone generico, tipo: abbiamo più voti quindi facciamo come ci pare, siete strumentali, fate dell’ostruzionismo, i rilievi fatti non sono errori ma scelte politiche che non capite, ecc ecc.                                                                         Quindi nei fatti, quando parliamo della gestione dissennata del Parco della Chiusa con tanto di denunce ai Carabinieri, o della situazione di estremo degrado dello stesso, o della situazione orribile della sponda del Reno lato Sapaba, non solo del campo nomadi e dei suoi dintorni ma anche di tutte le zone limitrofe lasciate all’incuria più totale, oppure del centro storico dove ogni giorno troviamo cumuli di cartoni o plastica che rimangono depositati in attesa della raccolta per ore, per la Maggioranza siamo solo degli allarmisti fastidiosi. Il ponte sul Reno è da anni dimezzato nella sua attività con evidenti necessità di intervento ma ci viene risposto che, mancano i soldi, che sono introvabili e che non si possono modificare le uscite programmate, mentre tutti sappiamo che i soldi escono da mille rivoli e nessuno ha il coraggio di interrompere questa pessima usanza politica.

Questi sono solo due dei tanti esempi che potremmo fare, ma oggi vorremmo sottolineare che noi non ci rassegneremo, non chineremo la testa e nemmeno vogliamo essere dei protestatari tout court. Siamo qui per proporre soluzioni ai problemi e soprattutto chiediamo a tutti i cittadini di aiutarci ad invertire la tendenza in atto che allontana la gente dalla politica e che tende ad omologare tutti in un unico calderone.

Vogliamo un paese più chiaro, con meno ombre e soprattutto con meno ideologie precostituite dai soliti furboni. Dobbiamo lottare per la libertà di pensiero, di lavoro, di impresa, d’istruzione e di religione. I massimalisti ci hanno stancato: Basta distruggere, è ora di costruire.

Lista Civica Casalecchio di Reno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi