You are browsing the archive for 2016.

La verità ti fa mal

Ottobre 19, 2016 in Ferrovia, Punti del programma, raccolta firme, Viabilità

La verità ti fa mal

…soprattutto quando la scopri

 1600Ritorniamo sul tema dell’interramento della ferrovia e la conseguente eliminazione del passaggio a livello per comunicarvi che continua con grande successo la raccolta di firme che proseguirà anche nei prossimi giorni. In nemmeno un mese abbiamo raccolto 1600 firme: invitiamo chi non avesse firmato a farlo.

Queste firme saranno consegnate al Sindaco, nella speranza di andare a Roma con lui per ottenere quello che ci spetta anche se l’attuale primo cittadino è stato in Giunta nei precedenti 10 anni e c’era quando il 29 luglio 2007 vi fu una grande manifestazione al Teatro Testoni con un Consiglio Comunale pubblico che approvò all’unanimità un Ordine del Giorno nel quale si elencavano le considerazioni sul traffico che i nostri concittadini conoscono benissimo.

Si considerava che il primo progetto risaliva al 1965, che il progetto preliminare è stato approvato dal CIPE nel marzo del 2006, che il Comune ha assolto le procedure pagando la progettazione dell’opera e testualmente “il progetto della Nuova Porrettana prevede anche contestualmente l’interramento e raddoppio dei binari della Ferrovia Bologna – Pistoia che costituirebbe un importante rafforzamento del sistema ferroviario a favore dei tanti pendolari che utilizzano quotidianamente questa tratta ribadisce che il nodo ferro-stradale di Casalecchio rappresenta un tassello strategico per la mobilità locale e nazionale”.

È c’era anche il 12 marzo 2009 quando il Consiglio Comunale, sempre all’unanimità, fece un appello al Governo insieme a tutti i concittadini che stavano sopportando l’aggravio dei lavori della 3^ corsia autostradale e decise di portare le rimostranze dei cittadini a Roma.

E c’era anche il 4 novembre 2009 quando il Sindaco Gamberini annunciava una cabina di regia con il presidente Errani e il Governo ed entro il mese il CIPE avrebbe finanziato con 48,8 milioni di euro la parte ferroviaria e con questo si sarebbe fatto tutto.

Non sappiamo se c’era il 17/02 2012 a Roma quando in un tavolo con tutti presenti Comune ANAS RFI, Ministro si decise di stralciare l’opera ferroviaria da quella stradale! Poi nel luglio 2012 ci fu l’approvazione da parte del CIPE del progetto definitivo dell’opera stradale e l’annuncio che con l’apertura del casello autostradale di Borgonuovo entro la fine 2013 si sarebbe avuto un calo del traffico del 30%. Poi si arriva ai giorni nostri e la verità viene a galla.

Per 50 anni i nostri cittadini sono stati traditi da amministratori che hanno scritto e detto delle cose e fatto

nulla di tutto ciò. Caro Sindaco non sappiamo se lei c’era, o non c’era ma noi della Lista Civica ci siamo e ci batteremo sempre per interrare e raddoppiare i binari della linea ferroviaria ed eliminare il passaggio a livello. NOI NON MOLLIAMO.

 

Lista Civica Casalecchio di Reno

TUTT’APPOSTO ???

Maggio 9, 2016 in Rifiuti - Raccolta Differenziata, Risorse e Programmazione, Salute e Sapere, Talon

CARTELLO-ASINELLI-AL-LAVORO

Tutt’apposto ???

Parafrasando uno slogan di una fortunata trasmissione televisiva, a Casalecchio TUTT’APPOSTO. Quello che fa la Giunta non è discutibile da nessuno, l’opposizione fa solo perdere tempo con richieste assurde ed infondate, questo ci dicono….

Ultimo fatto la richiesta di dimissioni dell’Assessore all’ambiente Grasselli, respinta immediatamente con scarsa discussione, perché a norma di un fantomatico regolamento non si poteva nemmeno fare! Forse una norma del genere esiste solo da noi e in Bielorussia, (chiedo scusa alla Bielorussia) dimissioni richieste in modo sacrosanto e motivato visto il gravissimo stato di abbandono dei parchi cittadini in particolare del Parco della Chiusa e della raccolta differenziata perlomeno disastrosa.  L’intervento dei NAS presso il Parco Talon per il quale l’Assessore non si è nemmeno scusata con i cittadini ma si è provveduto frettolosamente ad incolpare il gestore, pur colpevole:ma dove erano gli organi comunali, Assessore compreso in quel periodo? Per quanto concerne la gestione sempre malfatta del rusco, non solo sono aumentate le tariffe pur in forza di un lavoro fatto in gran parte dai cittadini nella differenziazione dell’ immondizia, in più si è scoperto che a Casalecchio si paga molto di più del dovuto per conteggi di ripartizione di Hera (= Atersir) a favore di altri comuni fra cui Bologna. Ma da chi siamo amministrati, da Paperino?   Nel numero di aprile di News c’è una bellissima dichiarazione della Giunta che afferma non solo che la manutenzione del Parco Talon (della Chiusa per il PD) è in perfetta linea con le direttive ed il programma di governo con dovizia di particolari e ahimè di soldi spesi e finanziati. Non dimenticando il solito pianto degli scarsi finanziamenti e stavolta tirando in ballo anche Sua Santità Papa Francesco (ogni tanto capita, per la Croce  NO, ma per gli sfalci  SI,  mah). Tutto il resto è respinto!  Questa volta c’è andato di mezzo anche un giornalista del Resto del Carlino, Nicodemo Mele, tacciato di informazione scorretta e reo di aver pubblicato un articolo dove raccogliendo le lamentele di diversi fruitori del parco, sottolineava come l’abbandono del bosco e in alcuni sentieri, rami spezzati potevano mettere in pericolo gli escursionisti. Arruolato a quel punto, credo suo malgrado fra i cattivi. Ovviamente non ci arrenderemo, speriamo che di fronte all’evidenza ci siano dei ripensamenti, che si migliori l’amministrazione della città e che si trovi il coraggio di cambiare quando le cose non vanno bene.

Purtroppo non è TUTT’APPOSTO!

 Lista Civica Casalecchio di Reno

Non ci vogliamo rassegnare

Aprile 12, 2016 in Punti del programma, Risorse e Programmazione, Salute e Sapere

NON CI VOGLIAMO RASSEGNARE…

Vedo-sento-parlo3

Viviamo in un epoca di grandi    cambiamenti e di altrettanti problemi, le crisi economico-finanziarie, culturali, morali,   religiose, l’aumento delle povertà, l’inadeguatezza della politica ormai incapace di dare delle risposte rapide a questi fenomeni, porta tanta gente a rassegnarsi agli eventi, cercando di barcamenarsi alla meglio per sopravvivere e spesso ad incolpare chiunque e di qualunque cosa. Questo accade a tutti, chi in privato o sui social network o in TV, chi grida accusando il prossimo di qualunque nefandezza, evitando accuratamente di cercare soluzioni al problema in discussione. Naturalmente i professionisti della politica o dell’informazione ne godono in modo estremo, massima audience, e tutto rimane come prima.        Accade anche nel nostro piccolo Comune, dove ad ogni rilievo fatto sull’ attività del Sindaco e della Giunta si levano gli scudi, con il medesimo polverone generico, tipo: abbiamo più voti quindi facciamo come ci pare, siete strumentali, fate dell’ostruzionismo, i rilievi fatti non sono errori ma scelte politiche che non capite, ecc ecc.                                                                         Quindi nei fatti, quando parliamo della gestione dissennata del Parco della Chiusa con tanto di denunce ai Carabinieri, o della situazione di estremo degrado dello stesso, o della situazione orribile della sponda del Reno lato Sapaba, non solo del campo nomadi e dei suoi dintorni ma anche di tutte le zone limitrofe lasciate all’incuria più totale, oppure del centro storico dove ogni giorno troviamo cumuli di cartoni o plastica che rimangono depositati in attesa della raccolta per ore, per la Maggioranza siamo solo degli allarmisti fastidiosi. Il ponte sul Reno è da anni dimezzato nella sua attività con evidenti necessità di intervento ma ci viene risposto che, mancano i soldi, che sono introvabili e che non si possono modificare le uscite programmate, mentre tutti sappiamo che i soldi escono da mille rivoli e nessuno ha il coraggio di interrompere questa pessima usanza politica.

Questi sono solo due dei tanti esempi che potremmo fare, ma oggi vorremmo sottolineare che noi non ci rassegneremo, non chineremo la testa e nemmeno vogliamo essere dei protestatari tout court. Siamo qui per proporre soluzioni ai problemi e soprattutto chiediamo a tutti i cittadini di aiutarci ad invertire la tendenza in atto che allontana la gente dalla politica e che tende ad omologare tutti in un unico calderone.

Vogliamo un paese più chiaro, con meno ombre e soprattutto con meno ideologie precostituite dai soliti furboni. Dobbiamo lottare per la libertà di pensiero, di lavoro, di impresa, d’istruzione e di religione. I massimalisti ci hanno stancato: Basta distruggere, è ora di costruire.

Lista Civica Casalecchio di Reno

UN PUNTO DI CHIAREZZA A PROPOSITO DI “CROCE”

Febbraio 27, 2016 in Senza categoria

UN PUNTO DI CHIAREZZA A PROPOSITO DI “CROCE”

croce vignettaAl momento della presentazione della risoluzione nessuno pensava al polverone che si sarebbe creato, ma evidentemente era stato sottovalutato il sentimento popolare riguardo l’oggetto del contendere. Per aiutare meglio il comprendere le cose pubblichiamo integralmente i fatti partendo dalla copia della proposta della risoluzione consigliare presentata prima ai capigruppo e poi in consiglio comunale:
Constatato, che il nuovo ed ormai principale ingresso del Cimitero Comunale è sprovvisto di simbolo o emblema che ne palesi la rilevanza quale luogo comunitario di riposo dei defunti, spazio di pietà e di affetto verso quanti, pur sottratti ai nostri occhi, non lo sono alla memoria individuale e collettiva.
Considerato, che la plurisecolare tradizione della cultura italiana, il sentire diffuso della nostra gente e la condivisa predilezione del patrimonio nazionale delle arti hanno costantemente individuato nella Croce il segno più eloquente ed appropriato da situare presso i cimiteri.
Propone, che si provveda a progettare e realizzare una semplice e significativa Croce , espressione di amore disinteressato e universale, fratellanza nel comune destino di tutta l’umanità, silenzioso rispetto verso chi si è congedato dal presente, da collocarsi presso il suddetto ingresso. Impegna la Giunta ad adoperarsi con celerità a questo scopo.
Firmato il presidente e il vice presidente del consiglio comunale
La risoluzione è poi stata emendata a richiesta del PD togliendo la frase con celerità a questo scopo, e cosi presentata.
Il voto si è cosi espresso: gruppo PD Barbani,Lollini,Gurioli,Peri, Ruggeri,Grendene contro con motivazione, Ciraulo,Ancarani,Fini, Morotti contro senza motivazioni, Casoni,Guidotti,astenuti senza motivazioni, Baglieri, Palumberi, assenti, Cinti favorevole. Lista Casalecchio da vivere Nanni favorevole. Lista mov.5 stelle Candido astenuta con motivazione, Stefanelli favorevole con motivazione Rainone assente. Forza Italia Seta favorevole con motivazione, Pedica assente.
Lista Civica Casalecchio di Reno Cevenini favorevole con motivazione,Tonelli favorevole con motivazione. Lega Nord Muratori favorevole con motivazione.
La risoluzione è cosi stata respinta !! Questi sono i fatti! Da li sono nate tutte le varie polemiche più o meno gradite. La difesa delle proprie idee è una cosa importante per tutti, è un valore, anche quando non si è maggioranza , la libertà di pensiero la difenderemo sempre anche quella di chi non la pensa come noi, ma ci sono momenti che bisogna decidere in che campo si stà come scrisse uno scrittore” nel campo giusto”

Croce negata al cimitero di Casalecchio, per Zuppi è una decisione sbagliata

Febbraio 2, 2016 in Croce cimitero, Sviluppo del Territorio

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

L’arcivescovo dopo lo stop del consiglio comunale: “E’ un simbolo di umanità che non offende nessuno”. Bufera sul sindaco Bosso: attacchi dal centrodestra e anche dal Pd

di MASSIMO SELLERI

Monsignor Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna

Bologna, 30 gennaio 2016 – Niente croce all’ingresso del cimitero. Sul consiglio comunale di Casalecchio di Reno si è scatenata una autentica bufera per una delibera che rievoca l’editto di Saint Cloud emanato da Napoleone nel 1804, che parificava i morti ed eliminava le lapidi. Oggi come allora alla base di questa scelta, anticipata ieri dal Carlino, ci sono concetti di laicità che non tengono conto del valore che certi segni hanno assunto nel tempo.

«Credo che questa decisione – spiega l’arcivescovo monsignor Matteo Zuppi – sia sbagliata e inopportuna, e riporta alla memoria un vecchio dibattito legato alla presenza del crocifisso nei luoghi pubblici. In quella occasione persone laiche come Miriam Mafai o Giorgio Napolitano dissero che non si doveva toccare perché la croce è un simbolo che veicola valori di umanità. Lasciare la croce all’ingresso di un cimitero non ne limita l’accoglienza e non offende nessuno, ma richiama a quell’umanesimo che fa parte anche della cultura laica».

CHE BARBA, CHE NOIA !

Febbraio 2, 2016 in Sicurezza, Sviluppo del Territorio

CHE BARBA, CHE NOIA !
A Casalecchio non succede mai niente! Parafrasando
la grandissima Sandra Mondaini quando la sera così commentava la giornata terribile dove era successo di tutto con il marito Vianello. Questa è l’impressione di chi vive nella nostra città. Prendiamo ad esempio la questione dei furti nelle case, anche in pieno giorno causando paura e danni spesso di
molto superiori all’entità delle cose rubate.
Per non parlare dei furti nelle attività, negozi ed aziende, alle cronache ormai giornalierecon spaccate di vetrine di giorno e di notte anche qui con paura e danni, spesso mettendo in crisi definitiva attività già in difficoltà.
Ma dopo la notizia sui giornali tutto finisce lì, “Non succede mai niente” al massimo vengono sciorinati dei fantomatici “dati” dove si afferma che i reati a Casalecchio sono pochi e in calo e comunque meno che in altri posti, di solito luoghi terribili dove nessuno di noi andrebbe mai, quindi dobbiamo essere contenti?
Forse sarebbe il caso di sfornare un qualche piano per la sicurezza magari, condiviso con le minoranze e le Forze dell’Ordine, naturalmente se ci sono delle idee e se si reputa che i furti siano veri e non immaginati, o peggio, dalle minoranze. Altra situazione terribile dell’anno è la manutenzione del territorio, decine di lampioni spenti segnalati dai cittadini e visti dai consiglieri, con ritardi lunghissimi sulle riparazioni, buche nelle strade sempre maggiori e mai chiuse, la vergogna del ponte sul Reno, dove al posto della riparazione del marciapiede sono state posti diversi grossi vasi per impedire il passaggio pedonale, situazione a dir poco da film con Alberto Sordi: “Non succede mai niente”. Per non parlare della situazione del garage Ronzani di proprietà comunale, in stato di abbandono, chiuso almeno nominalmente, visto che si intravvedono segni di persone che probabilmente lo usano come dormitorio, peccato che costa quasi 40.000 euro di condominio a spese della collettività e dicono: “non succede mai niente”. Dopo queste sciocchezze c’è il Rusco, parola innominabile in città, i bidoni tracimano spesso con i sacchetti in strada, quest’estate hanno cambiato i giorni di raccolta degli sfalci senza dirlo a nessuno con il risultato di vedere sacchi e sacchi in strada non raccolti, i cestini stradali (quelli triangolari in cemento) sono stati o rimossi o sigillati perchè pieni di topi, un’ottima soluzione: perché non sfrattiamo i topi? Per la giunta tutto va bene. E’ stato fatto anche uno sondaggio fra la popolazione, a spese dei contribuenti naturalmente, risultato: va tutto benissimo, avevate qualche dubbio, voi che vi lamentate per il servizio dell’ottima Hera?
Anche qui vietato porre il problema o anche solo pensarlo. “Non succede mai niente”. Ultimo, solo per ragioni di spazio, il sempre verde Parco Talon dopo le vicissitudini che tutti conoscete, i NAS, il sequestro delle merci avariate ecc. la coop che gestiva le cose è stata sostituita, udite udite, con la coop capofila del gruppo che aveva designato quella cacciata via. Neanche Vianello resisterebbe a cotanta roba. Che barba, che noia!!
Lista Civica Casalecchio di Reno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi